Tu sei qui

CAFFE’ FIORIO

La produzione e vendita di gelati nel locale in via Po inizia con la famiglia Solano, intorno al 1920. a ben altri tempi però risale la nasciate del caffè Florio, di cui si conserva al Museo civico di arte antica di Palazzo Madama a Torino la bella insegna dipinta a olio che raffigura l’interno di un caffè, del primo quarto dell’Ottocento.

La sala bar presenta ancora oggi l’elegante bancone marmoreo progettato da G. Salvini, eseguito dalla Ditta Stella intorno al secondo decennio del Novecento, mentre la sala da ballo è allestita nel secondo quarto del secolo. Gi arredi e le decorazioni che vediamo oggi sono opera di diversi artisti e artigiani ( Gonin, Morgari, Gerbi, Busca, Barra e lo scultore Bogliani) che a partire dal 1845 rimisero a nuovo il locale che assunse quindi l’aspetto odierno.

I salottini interni, con poltroncine neosettecentesche e divani foderati in velluto rosso, vantano la frequentazione di numerosi tra i personaggi più in vista della Torino tra Otto e Novecento, Il caffè frequentato dalla borghesia e dalla nobiltà conservatrice aveva grande importanza a livello politico e pare che sia Carlo Felice che Carlo Alberto chiedessero normalmente ai ministri “cosa si dice al Fiorio?”.Il caffè fu la prima sede dell’elittario circolo del Whist.

via Po 8
10121 torino TO
Italy
011 8173225