Tu sei qui

Acero di Carnino superiore (Briga Alta)

ll genere, Acer, deriva dal latino 'acer', duro, in riferimento alla qualità del legno. La specie, pseudoplatanus, significa falso platano e si riferisce alla forma delle foglie, simili a quelle del Platano. L'acero di Carnino Superiore è un esemplare interessante non tanto per le sue dimensioni, ma per il suo portamento. È caratterizzato da tre fusti di differenti dimensioni, che vanno da circa 130 a 250 cm di circonferenza e da una chioma espansa che lo rende maestoso. Merita una visita primaverile quando i fiori si arricchiscono di api per ricavarne il nettare, e una estiva quando le stesse api ritornano per la raccolta della melata. Questo albero radica nel Parco Naturale del Marguareis, istituito nel 1978 e compreso fra le Alpi e la Provenza, noto per la sua ricchezza floristica e la presenza di habitat alpini rari. Interessante sottolineare che il legno dell'Acero di monte è tradizionalmente utilizzato per fabbricare il fondo armonico dei violini e in generale degli strumenti a corde o pizzicati: infatti è molto apprezzato perché possiede una buona sonorità e presenta eleganti motivi fiammati e maculati.

Briga alta
Carnino Superiore
18025 Briga alta CN
Quota 
1504m
Specie scientifica 
Acer pseudoplatanus L.
Specie volgare 
Acero di monte
Circonferenza 
253cm
Altezza 
22m
Classe età 
100-200 anni
Accesso 
Dalla borgata di Carnino superiore seguire il sentiero per il rifugio Don Barbera; la pianta radica a circa 15 minuti di cammino dalla borgata, sul lato a valle nei pressi di un pascolo arborato accanto al corso d'acqua.
Proprieta 
Privata