Alba

Palazzo Comunale - Piazza Risorgimento, 1 - 12051 Alba (Cn)
Tel.: +39.0173 292111 - Fax: + 39.0173 290484
E-mail: alba@comune.alba.cn.it
www.comune.alba.cn.it 

Alba
Alba

La fondazione di Alba è molto antica: la romana Alba Pompeia, della quale costantemente sono affiorate tracce, si innesta su un eminente polo territoriale già preromano, attribuibile ai Liguri Stazielli, passato sotto il controllo romano intorno al 100 a.C. In questa veste, poi imperiale, Alba dà i natali a Publio Elvio Pertinace (126-193), acclamato imperatore nel 192. Divenuta molto precocemente sede vescovile (IV secolo), la città è a capo di una contea in età carolingia e sin dall’XI secolo affermato comune in costante contesa con Asti e fondatore in questa disputa di importanti villenove, tra cui la celeberrima Cherasco. Sottomessasi prima agli Angiò, passa poi ai Visconti e ai Gonzaga, per venire separata dai territori monferrini con il Trattato di Cherasco (1631), che la lega alle sorti del ducato sabaudo. Della lunga fase medievale Alba conserva il duomo (estremamente modificato da restauri e reinterpretazioni ottocentesche di Edoardo Arborio Mella), parte dell’impianto urbanistico, a sua volta innestato sul precedente insediamento romano, la chiesa gotica di San Domenico, di recente restaurata, e il gran numero di torri in mattoni che svettano nel panorama cittadino. Patria di Macrino d’Alba (XV-XVI secolo), la città appare segnata dalla maestria del pittore che vi ha lasciato notevolissimi esempi. Significativo anche il principale complesso barocco che, con la sua facciata, contrassegna vistosamente la via maestra: il convento della Maddalena, fatto erigere nel secondo Quattrocento dalla beata Margherita di Savoia, è infatti dotato alla metà del Settecento di una spettacolare cappella a impianto centrale su disegno di Bernardo Antonio Vittone. La città dell’Ottocento si organizza attorno al nuovo polo urbano della piazza Savona, dalla quale parte la via verso il territorio e il mare (corso Langhe), mentre notevole appare anche la progettazione urbanistica del Novecento, attenta all’insediarsi di nuove realtà produttive: la Miroglio per il tessile e la Ferrero per l’alimentare (madre della celeberrima Nutella), elementi trainanti dell’economia di tutta la regione, assieme alla straordinaria produzione enologica, della quale Alba è capitale indiscussa.

 

Le rievocazioni storiche del piemonte

Palio degli Asini, settembre; ottobre
Uno degli appuntamenti più attesi nell'ambito della Fiera del Tartufo: nel massimo rispetto della tradizione medievale, una corsa beffarda per ricordare l’antica offesa degli astigiani agli albesi.

Data ultimo aggiornamento: 26/11/2015

Cerca un Comune